Torna alla homepage

Sagarana RESTANDO PENSIERO LATENTE


Katia Sebastiani


RESTANDO PENSIERO LATENTE



 

 

È come scendere le scale sporche
del sottopassaggio
che mi porta al binario, che mi riporta a casa
e scoprire lì sotto due anziani (potrei
essere io, lei?) che si scambiano dolcezze
e promesse. Lui non era il marito,
e di sicuro lei, coi capelli arruffati e un lieve
rossore sul viso, lei non era la moglie.
 
Sto come posso, schiena dritta dentro le parole
vivi nascosto, vivi nascosto! perché
ogni possibile spiegazione suonerebbe
giustificazione, prosa trita un trattatello
di morale con i suoi devo e non dovevo.
 
Prima conclusione: che la poesia invece
come mi insegni, non vuole mediazioni
 
Seconda conclusione: non sono ironica,
se non nella misura in cui tout le monde
finge di esserlo.
 
 




Katia Sebastiani
Katia Sebastiani Ŕ nata nel 1971 a Camaiore di Lucca e vive nel paese di Boveglio. Fin dall'adolescenza ha scritto pagine di diario. L'incontro con la scrittura creativa Ŕ avvenuto a metÓ degli anni Novanta, frequentando un laboratorio condotto dallo scrittore Julio Monteiro Martins a Lucca. Ha partecipato ad alcuni premi ed ha continuato a frequentare laboratori di poesia con autori come Valerio Magrelli, Mia Lecomte, Rosaria Lo Russo e Davide Rondoni. Suoi testi sono apparsi su alcune riviste on-line (Sagarana, Poesia, Palavrarte) e non (Semicerchio, Le voci della luna, Capoverso), all'interno delle antologie "L'apparecchio di Junior" (Zona editrice), "Nodo sottile 3" (Crocetti editore), "Ospite d'onore. Della Terra" (AA.VV. per Subway- Juke Box Letterario 2006) e "Subway. Poeti italiani underground" (Gruppo editoriale il Saggiatore, a cura di Davide Rondoni). Ha recentemente pubblicato la sua prima raccolta, "Sagra di Addio", per le edizioni LietoColle. Per la rivista on line Sagarana ha curato le interviste al poeta fiorentino Paolo Maccari e ad Alda Merini




    Torna alla homepage copertina I Saggi La Narrativa La Poesia Vento Nuovo Nuovi Libri