COME UN FUNAMBOLO


Stefano Redaelli



Maria disegna con tratto lieve, etereo, poetico.
Paolo focalizza in parole nitide il suo pensiero.
Non si sono mai incontrati. Vorrei che lo facessero in queste pagine, riallacciando l'icastico discorso sul filo d'oro della vita: la vocazione.
Maria ha fatto un disegno: mani d'angeli, nell'aria, tengono e tendono una fune, sulla quale camminano uomini leggeri. Intorno: il cielo con gli agenti atmosferici onnipresenti nei suoi disegni. Pioggia, vento. Potrebbero cadere, sono uomini in bilico, sospesi nell'aria. Eppure, l'immagine comunica una vaga serenità. Forse perché le mani delle creature alate sfumano nello sfondo, creando continuità tra gli uomini, la fune e il cielo.
Paolo, senza conoscere quel disegno, ha scritto:

Il filo d'oro della vita è un filo in tensione. Il filo tiene, da una parte, al chiodo che hai piantato quel giorno che hai fatto una scelta, dall'altra su un punto invisibile, lontano, all'infinito: l'oggetto della tua scelta di vita. Se vuoi, puoi chiamare la tensione, che tiene il filo indirizzato alla meta, fedeltà. Se un giorno, un bel giorno, non prendi un impegno, non c'è un punto cui ancorare il filo. È molle, non c'è tensione, le scelte quotidiane si smarriscono nella mollezza. Sembra in apparenza più facile. Puoi fare 'quello che vuoi'. Invece, è più complicato. Se il filo della vita è in tensione, le scelte sono più semplici (non complicate), e al tempo stesso più difficili, richiedono coerenza. Fare 'quello che vuoi' vuol dire restare sulla rotta che un giorno hai voluto. E che, ogni giorno, svegliandoti, rivuoi. È una volontà intima, che spesso tracima sotto forma di felicità. Non effimera.

Le due immagini si sovrappongono e completano perfettamente.
Vedo un funambolo che cammina su una corda tesa nel cielo.
Avvezzo alle altezze e alla precarietà misura con il suo passo spazi celesti.
Qualcuno, a volte, tende la fune con mano lieve, non si fa notare neppure.
Per il tratto che va dal chiodo al punto all'infinito il funambolo è cittadino del cielo.
Sa dove vuole arrivare, come muoversi, il vento può sbilanciarlo, ma non farlo cadere.
A quelli che non amano le farfalle, pur amando l'altezza, e preferiscono camminare più che volare, dedico quest'immagine.
A Maria e Paolo la mia gratitudine per la loro complementare e poetica intuizione.




(Tratto dal nuovo libro dell'autore: Su questa strada - Passi di vocazione, CittÓ Nuova, Roma, 2006)


 

Stefano Redaelli Ŕ aureato in fisica presso l'UniversitÓ de L'Aquila, ha conseguito il dottorato in fisica presso l'UniversitÓ di Varsavia. Vincitore, nel 2001, di un premio speciale della giuria del Premio internazionale di Poesia Orient-Express sezione giovani "Guglielmo Maio"; finalista l'anno seguente. Ha frequentato il Laboratorio di Narrativa full immersion della Scuola di Scrittura "Sagarana" di Lucca. Ha conseguito il Master l'Arte di scrivere presso l'UniversitÓ di Siena. Si occupa di caos e vento solare nel Centro di Ricerca Spaziale dell'Accademia Polacca delle Scienze a Varsavia. Cura per il quindicinale "CittÓ Nuova" la rubrica "Scrittura Creativa Formato A4", collabora per le rubriche di Cultura e Testimonianze, nelle edizioni in lingua italiana e polacca. ╚ traduttore per le Edizioni San Paolo in lingua polacca. Insegna scrittura creativa nella facoltÓ di Studi Mediterranei dell'UniversitÓ di Varsavia e nell'Istituto Italiano di Cultura di Varsavia.
Libri:
Su questa strada - Passi di vocazione, Città Nuova, Roma, 2006
Arrivano in tempo - Storie di angeli custodi, Città Nuova, Roma, 2005, 2006²
Obietnica czas próby - promessa tempo di prova, Monika Anna Gasiorek - Stefano Redaelli, Edizioni Nowy Swiat, Varsavia, 2004
Sull'Autobus - Poema a fermate per le vie di Varsavia, Edizioni Orient-Express, Castel Frentano, 2002



         Precedente    Successivo     NUOVI LIBRI     Pagina precedente