ZA SULŐA


Giuseppe Battaglia





La za Sulža unn c'jia chiý

chiudiu l'occhi parrannu parrannu
e parža ca ridža
mentri muntuava li so morti

dicža ca a la morti
si ni jiava n-paradisu

si ci arriniscžu unn lu sacciu

ma lu zu Caloriu
quannu lu tabbutu
passŗu nta la chiazza
si livŗu la cÚppula

accuzzŗu la testa

Filippu chiancža
comu un babbu

e lu zu Pippinu
ca a lu ponti ammulava lu cuteddu
quannu lu tabbutu
fui dda davanzi
si misi rittu mpalatu
comu quannu sona lu friscalettu

lu zu Turiddu ca vulža pŗriri
na pŗssula si canciŗu nta la facci

la za Sulža
binidicennu cu la manu ritta

si ni jiava
all'ŗrvuli pizzuti

nta lu stissu paisi
nta la stissa jiurnata di suli
cu li stissi cristiani vicinu
parrannu parrannu

ci mittissi la firma
a mÚriri.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -



In Italiano:


ZA SULŐA


La za Sulža non c'Ť piý

ha chiuso gli occhi parlando parlando
e sembrava che ridesse
mentre nominava i suoi morti

diceva che alla morte
se ne andava in paradiso

se le Ť riuscito non lo so

ma lo zu Caloriu
quando il tabuto
passÚ per la piazza
s'Ť tolto la coppola

ha chinato la testa

Fulippu piangeva
come un scemo

e lo zu Pippinu
che al ponte arrotava il coltello
quando il tabuto
fu lž davanti
si mise dritto impalato
come quando suona lo zufolo

lo zu Turiddu che voleva sembrare impassibile
cambiÚ di colore in viso

la zu Sulža
benedicendo con la mano giusta

se ne andava
agli alberi pizzuti*

nello stesso paese
nella stessa giornata di sole
con le stesse persone vicino
parlando parlando

ci metterei la firma
a morire.


------------
Nota
* al cimitero


(Poesia tratta da Campa padrone che l'erba cresce, Bulzoni editore, Roma, 1977.)



Giuseppe Battaglia (Aliminusa, 24 giugno 1951 - Aliminusa, 2 novembre 1995) Ť stato uno scrittore e poeta italiano. » stato un poeta dialettale contemporaneo. Se ne sono occupati, tra gli altri, Pier Paolo Pasolini, Leonardo Sciascia (che scrisse la prefazione a La piccola valle di Alž ), Mariella Bettarini, Ignazio Buttitta, Tullio De Mauro, Franco Pappalardo La Rosa e Massimo Ranieri.





     Precedente      Successivo       Copertina